5 Torri - listolade.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

5 Torri

Montagna > Averau-Nuvolau > 5 Torri
Le 5 Torri dette anche “Torri di Averau”, sono poste tra i Rifugi Alpini, 5 Torri e Scoiattoli, a Nord rispetto i Monti Averau e Nuvolau e a ovest di Cortina. Sono composte da, appunto, 5 torrioni di roccia Dolomia, denominati: Torre Grande, la maggiore che presenta 3 cime ambitissime ai rocciatori (Cima Nord, Seconda Cima e Cima Ovest); Torre Seconda, detta anche Torre del Barancio o Torre Romana; Terza Torre o Torre Latina; Quarta Torre, formata da due diversi denti di roccia di diversa grandezza, chiamati Quarta Torre Bassa e Quarta Torre Alta; e Quinta Torre o Torre Inglese. Sono state e lo sono tutt’ora un’importante palestra di Allenamento per i rocciatori, in particolari per gli Scoiattoli di Cortina. Nel periodo estivo l’Area 5 Torri è un’importante zona turistica, facile da raggiungere grazie alla seggiovia che da Bàin de Donez (sulla strada provinciale 48 dal Falzarego a Cortina) collega il Rifugio Scoiattoli; viene transitata dall’Alta Via N°1, dal sentiero della “Muraglia di Giau” che costeggia il confine tra i Comuni di San Vito di Cadore e Cortina d’Ampezzo. È un’importante località storica legata alla Grande Guerra: questa zona fu teatro di aspre battaglie tra le truppe Italiane e AustroUngariche. Conserva ancor oggi numerose testimonianze delle battaglie e delle costruzioni belliche erette dal Regio Esercito Italiano. Grazie ad un’operazione di ristrutturazione e valorizzazione sono state recuperate trincee e postazioni militari, unite in un delizioso Museo all’aperto. In periodo invernale tali zone vengono transitate da diverse piste da sci, queste fannno parte del comprensorio Dolomiti SuperSki, che le collega ai vicini Lagazuoi-Col Galina. Sino a pochi anni fa era possibile effettuare il percorso con gli sci ai piedi solo in direzione Lagazuoi-Col Galina-5 Torri, ma a partire dalla stagione invernale 2008-09 è possibile tornare dalla zona Cinque Torri alla più alta zona del Passo Falzarego, tramite il nuovissimo impianto biposto “Croda Negra” e al raccordo passante oltre il Monte Averau.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu