Catena del Padon - listolade.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Catena del Padon

Montagna > Padon
Il Padon è una catena montuosa delle Dolomiti con una grande particolarità, ella non è composta dalla classica roccia chiara della zona (Dolomia) bensì da roccia vulcanica, che va dal grigio-marrone al nero; queste scure rocce sono prevalentemente costituiti da ceneri e lapilli vulcanici eruttati durante il periodo “Ladinico” (TriasMedio) e successivamente consolidati. In tale periodo le Dolomiti costituiscono una zona di subdizione della crosta terrestre e furono pertanto interessate dall’azione di almeno due vulcani. Il gruppo si estende dal Pordoi a Rocca Pietore, dividendo la Val Pettorina dalla zona di Livinallongo-Arabba. La sua zona come molte altre nel nord agordino sono vecchie postazioni e trincee di guerra; quindimolto importanti a livello storico, non solo dalle sue vette, le quali non hanno grande rilievo, si può ammirare un fantastico panorama, non solo la vicina Marmolada ma anche le altre grandi cime che la circondano. Questa catena è composta da più cime e punte: da ovest a est, Col de Cuch (2650m), il caratteristico Sass Ciapel (2557m), le Forfesc (2585m), il Belvedere (2650m), Sass de Mezdì (2727m), la Mesola (2642m), il Padon (2512m); poi la catena si sdoppia e abbiamo a nord il Col de Scote (2265m) verso Pieve di Livinnallongo, e a sud il Migon o Migogn (2324m) verso Rocca Pietore.
Biblografia:
www.vieferrate.it
www.infodolomiti.it
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu